Nielsen State of the Media: The Social Media Report 2012

Social media is coming of age. Since the emergence of the first social media networks some two decades ago, social media has continued to evolve and offer consumers around the world new and meaningful ways to engage with the people, events and brands that matter to them. Now, years later, social media is still growing rapidly, becoming an integral part of our daily lives. Social networking is now truly a global phenomenon.

file

This report reveals insights such as:

  • What’s driving the continued growth of social media?
  • How is consumer usage of social media evolving?
  • How is social media impacting marketing?
  • Who is using Pinterest?
file

Download your copy today and learn more about the social media audience.

[Source: Nielsen]

Nielsen: Your kid wants an iOS device for Christmas, don’t mess it up!

When it comes to devices, kids’ holiday wish lists are simple this year. The most-wanted gifts are predominantly from one company—Apple.  According to a recent Nielsen study, Apple’s popularity leading up to the holiday season continues a trend seen over the last couple of years, with American kids aged 6-12 generally more interested in the latest iOS offerings than other consumer electronics and gaming devices.

Approximately half the children surveyed expressed interest in the full-sized iPad (up from 44% last year), and 36 percent in the new iPad Mini. The iPod Touch and iPhone are also coveted devices among these young consumers (36% and 33%, respectively).  Kids are also likely to ask for dedicated gaming hardware this holiday, with 39 percent excited to own Nintendo’s just-released console offering, Wii U, and 29 percent indicating they want a device from that company’s portable DS family.  Microsoft’s Xbox 360 and Sony’s PlayStation 3 also proved appealing, with approximately one-quarter of kids 6-12 saying they want these high definition consoles.

Among consumers aged 13 and older, tablets and full-sized computers were the top electronics choices, with roughly one in five indicating they want to acquire the iPad (vs. 24% last year), any other tablet, or a computer.  Reinforcing the notion that the tablet market is one to watch, non-Apple devices—lead by Amazon’s Kindle Fire and Samsung Galaxy offerings—proved nearly as desirable as the iPad among teens and adults, while e-readers showed a slight decline in interest from 2011.  Consumers 13 years and older were also interested in purchasing the Wii U, the iPhone and Internet-enabled TVs.

With discretionary dollars and heavy competition across gift categories, these study results suggest that consumer electronics and gaming devices should be an exciting sector to watch this holiday shopping season.

[Source: Nielsen]

Trust in Advertising: Owned, Earned and (social) Paid

In a recent Nielsen global study, all forms of paid advertising—TV, print, digital, radio—showed a gap in the “trust factor,” with a majority of respondents reporting that they don’t trust each type much or at all. Conversely, and not surprisingly, “recommendations from people I know” scored highest on trust, with 92 percent of consumers trusting this source completely or somewhat. Owned media, such as brand websites, scored higher than paid advertising but lower than social recommendations. Yet advertising as a medium continues to thrive, with ad dollars on the rise globally and in many markets around the world.

Trust in Advertising – Q3 2011

Trust In Advertising

Now What? The Convergence of Paid, Owned and Earned

Now that we’ve demonstrated what many of us already knew, what should we do about it? Does trust in advertising matter? If so, can we even do anything about it?

Since trust in advertising lays along continuum that moves from earned (highest trust), to owned, then paid (lowest trust), it stands to reason that brands should want more earned and owned. But can paid be given up completely? For most brands, that strategy isn’t really feasible given both the broad reach and historical success associated with paid media.

Instead, we need to start thinking of how paid, owned and earned can work together to improve trust and deliver better results. Marketers continue to discuss them as if they are mutually exclusive media. They’re not.  And now technology is blurring the lines of paid, owned and earned media more than ever.  Paid can now also be social, as social is often about paid. Owned can have paid embedded media in it. And sometimes, all three can exist in one consumer touchpoint. What’s a CMO to make of this trend?

Three Examples of Convergence Between Paid, Owned and Earned

1. Paid Ads Work Harder with Social
What actually happens when you combine social and paid advertising? Research on Facebook ads with and without a social layer (Jimmy, Billy and eight other friends are fans of Brand X), shows that social ads generate much stronger breakthrough and purchase intent than ads without a social layer. Why? Knowing that the advertised brand is liked by our friends builds trust.

2. Paid Digital Advertising Drives Owned Usage
Digital advertising can drive consumers to a brand’s owned media. In the example below, we look at the effectiveness of four different brands’ digital advertising in driving consumers to their respective web sites. Brands A & B were far more successful in doing so than Brands C & D.

Brand A Brand B Brand C Brand D
% of those exposed to the online display campaign that went on to visit a brand’s website post-exposure 4.7 5.2 1.0 1.2
% of those not exposed to the online display advertising who visited a brand’s website 0.5 0.4 0.2 0.3

3. Owned Can Work Harder Than Paid
What about owned media? Does it work once consumers arrive? One way of understanding this relationship is to measure the off-line sales impact of those consumers exposed, versus not exposed to your brand’s website. In the example below, we can see that exposure to Brand X’s website drove almost three times the sales lift of paid digital ads alone.

Owned Can Work Harder Than Paod

The Opportunity – Putting it All Together

Addressing the truth deficit in advertising is more than just making ads that are, well, true. It’s also about how to use paid, owned and earned media to your brand’s advantage.

Using the example above, why not build social into your paid advertising (where possible), use your paid ads to drive consumers to your website and optimize your site to drive maximum on or off-line purchase? Why not experiment with the myriad ways to engage your consumers across the paid, owned and earned continuum?

Overcoming the trust deficit in advertising isn’t about making ads that aren’t misleading or exaggerated. It’s about adding in social and owned media experiences in ways that give paid media more legitimacy,  enabling it to work harder for your brand.

[Source: Nielsen]

—-

Ecco, in sintesi, quali sono i tipi di comunicazione di cui si fidano le persone:

  • I media “earned” suscitano la fiducia più forte: il coinvolgimento di consumatori disinteressati è garanzia di imparzialità. Parliamo ad esempio di social network, blog, forum e piattaforme non proprietarie;
  • I media “owned” sono degni di fiducia: sono “della marca”, ma lo sono esplicitamente, apertamente. Le persone si fidano del messaggio di questi canali sia perché i brand se ne assumono la responsabilità in modo diretto, sia perché – sempre più spesso – le marche coinvolgono le persone sui propri canali. In questo caso si intendono soprattutto piattaforme di conversazione, ad esempio blog di marca o luoghi di discussione facilitati dal brand;
  • I media “paid” funzionano solo quando hanno una componente “social”. In altre parole, quando mantengono la caratteristica di acquisto di uno “spazio” o di “visibilità”, ma lo fanno includendo un elemento di conversazione. Parliamo ad esempio dei “social ads” di Facebook o dei “promoted tweets” di Twitter. Questi canali funzionano quando sono utilizzati sfruttandone le peculiarità social e non quando vengono intesi come “spazi banner” tradizionali, ma contestualizzati in un social network. Gli “ads” con una componente social non solo sono più affidabili per le persone, ma sono ricordati più facilmente;
Ogni nuova indagine, insomma, evidenzia come si rafforzi la tendenza a ritenere la conversazione come un elemento imprescindibile per quelle marche che vogliono stimolare la fiducia delle persone: ecco perché è importante studiare il modo in cui le persone interagiscono sui canali social per identificare la strategia di migliore per raggiungere gli obiettivi.
[Source: WeAreSocial]

Italy Fastest Growing EU5 Online Video Market

comScore, Inc. (NASDAQ: SCOR), a leader in measuring the digital world, today released a study from the comScore Video Metrix service, indicating that 24 million Italians watched an average of 144 videos in May 2012. The Italian online video audience grew by 27 percent over the past year, making it the fastest growing online video market in EU5 (France, Germany, Italy, Spain and the UK)

YouTube.com accounted for 90 percent (21.7 million) of the online video audience, making Google Sites the top online video property in May 2012.

Italian full press release:

Milano, Italia, 23 Luglio, 2012 - comScore, Inc. (NASDAQ: SCOR) e Demoskopea, Partner esclusivo di comScore in Italia, hanno diffuso i risultati di un’indagine sul consumo di video online da casa e lavoro a Maggio 2012 nei principali mercati europei (EU5 – Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna).

La metodologia Unified Digital Measurement (UDM) di comScore offre una soluzione per la misurazione dell’audience digitale con un approccio standard in tutto il mondo. Alla base della misurazione le rilevazioni person-level del panel globale comScore (2 milioni di persone nel mondo, di cui più di 30.000 in Italia) combinate con metriche censuarie (lato server). La tecnologia comScore permette di misurare gli spettatori unici, il numero di video e la durata della visione, tracciando il consumo del singolo video indipendentemente dal sito che lo ospita.

“L’Italia sta recuperando terreno molto velocemente sia per quanto riguarda la dimensione dell’audience sia per il numero di video visti. Considerando la composizione socio demografica degli spettatori e il progressivo arricchimento dell’offerta di video di qualità crediamo che tale crescita sia destinata a durare nel tempo e a modificare profondamente i comportamenti di fruizione dei contenuti video” ha commentato Fabrizio Angelini, AD di Demoskopea.

Rispetto al maggio 2011 l’Italia fa registrare una crescita del numero di spettatori unici di video online del 27%, la più alta in EU5, e un aumento sensibile anche del numero di video per spettatore (+15%).

Video Online nei Paesi Europei Selezionati
Maggio 2012
Audience Totale; +15 Anni di età – Casa e Lavoro
Fonte: comScore Video Metrix
SPETTATORI UNICI (000) VIDEO PER SPETTATORE ORE PER SPETTATORE
mag-11 mag-12 A/A mag-11 mag-12 A/A mag-11 mag-12 A/A
Francia 35.772 37.869 6% 150 159 6% 15,0 17,9 19%
Germania 42.377 43.657 3% 207 218 5% 21,9 29,0 32%
Italia 18.898 24.016 27% 125 144 15% 14,2 15,3 8%
Spagna 18.014 20.711 15% 170 185 9% 20,1 18,8 -7%
Regno Unito 29.494 31.874 8% 181 309 71% 19,3 32,0 66%

Note: A/A, indica la crescita percentuale anno su anno

Il solo YouTube copre il 90% dell’audience video in Italia
Gli spettatori unici fatti registrare da YouTube nel mese di Maggio 2012 in Italia sono stati 21,7 milioni, facendo di Google Sites la prima video property in Italia a maggio 2012. Tra i Canali locali (italiani) Partner di YouTube è quello RAI ad aver registrato il maggior numero di spettatori con un valore superiore a 3,2 milioni di spettatori unici (escluso il contributo degli User Generated Content).

Video Online Italia – Top 5 YouTube Partners
Maggio 2012
Audience Totale; +15 Anni di età – Casa e Lavoro
Fonte: comScore Video Metrix
SPETTATORI UNICI (000)
Total Online Video Audience 24.016
Youtube.com 21.733
1 VEVO @ YouTube 8.645
2 Warner Music @ YouTube 5.632
3 rai @ YouTube 3.255
4 Bigpoint @ YouTube 2.366
5 Believe @ YouTube 2.191

Note: i dati per i Partner di YouTube non includono i “claimed UGC”

[Source: comScore]

Update Audiweb:

Da oggi sarà possibile misurare la fruizione dei contenuti video presenti su internet grazie a Audiweb Objects Video, l’estensione del sistema di rilevazione Audiweb.

Con Audiweb Objects Video viene introdotta una nuova metrica di misurazione: lastream viewovvero la fruizione effettiva di un video da parte di un utente attraverso un player, che consente di determinare le opportunità di contatto/esposizione pubblicitaria (OTS) ai contenuti video.

Ciò è possibile attraverso l’introduzione di uno speciale ‘tag’ nei contenuti, in grado di interagire con il meter dei componenti del panel. I dati vengono poi sottoposti agli stessi processi di fusione e ponderazione applicati a tutti gli altri dati di audience.

Audiweb offre report sulla quantità dei video visualizzati, sul tempo speso in media e su tutte le informazioni socio-demografiche degli utenti. Questo metodo consentirà in futuro di misurare anche le audience originate da applicativi e oggetti, come, ad esempio, le applicazioni flash e social e i siti sviluppati in HTML5 che non possono essere misurati attraverso la metrica delle “pagine visualizzate”.

Il lancio di Audiweb Objects Video si colloca in un momento di grande espansione del mercato del digital video advertising, stimato in crescita del 93% nel 2012 (fonte AssoComunicazione) e dell’interesse crescente da parte degli utenti verso le categorie di siti che contengono o propongono contenuti video, che in un anno registrano un aumento pari al 19% del tempo speso (fonte Audiweb by Nielsen, maggio 2012).

Enrico Gasperini, presidente di Audiweb ha dichiarato:

“La rete è per sua natura in continua evoluzione e i siti vengono sempre più realizzati con tecnologie non misurabili con la metrica delle “pagine viste”. Fin dalla prima fase del sistema Audiweb abbiamo sviluppato una metodologia ‘ibrida’  innovativa che è stata poi adottata anche in altri Paesi. Ora con Audiweb Objetcs Video estendiamo il sistema per offrire al mercato una ricerca che, per la prima volta, aggiunge nuove metriche più complete con cui misurare le audience. Il prossimo obiettivo sarà l’estensione della ricerca a nuove tipologie di applicazioni e agli schermi tablet e mobile”

La rilevazione, realizzata in partnership con Nielsen, è iniziata dal mese di gennaio 2012, e i dati sulla fruizione di video online da parte degli italiani sono disponibili da oggi su Audiweb Database, per il planning database, e su Audiweb View, per i report mensili.

I primi editori che hanno aderito al servizio sono il Gruppo Editoriale L’Espresso (La Repubblica TV ), Il Sole 24 ore (De Agostini by Day e Sky), Rai, RCS (Corriere della Sera, Gazzetta dello Sport e Lei Web).

In base ai dati rilevati nel mese di maggio 2012, sono 6,3 milioni gli utenti che hanno consumato almeno un contenuto video su uno dei siti degli editori iscritti, con un totale di 49,8 milioni di stream views (video fruiti nel mese) e una media di 30 minuti e 56 secondi di tempo speso per persona nella fruizione di contenuti video online.

[Source: Audiweb]

Italian Digital Marketing Trends 2012

MagNews ha pubblicato la ricerca completa Digital Marketing Trends 2012. La ricerca realizzata con Nielsen fa seguito al rapporto Email Marketing Trends 2011 mirando a indagare i comportamenti e le percezioni relative all’utilizzo dell’email privata e aziendale da parte degli utenti internet italiani.

Tra i dati che emergono, l’analisi 2012 conferma alcuni key finding emersi anche lo scorso anno: il 95% del campione (1.000 individui) è connesso tutti i giorni, il 64% per più tre ore e mezzo al giorno e tutti gli utenti controllano e inviano e-mail quando si collegano ad Internet. Anche il processo di lettura dell’email è rimasto invariato: due terzi dei messaggi ricevuti sulla casella di posta privata vengono cancellati ancor prima di essere letti: la discriminante? Il mittente del messaggio.

Le newsletter inviate agli indirizzi di posta aziendale riguardano due volte sul tre argomenti professionali e nella metà dei casi news e informazioni più generali e registrano ottimi tassi di lettura: l’88% le legge immediatamente o appena può.
Circa il 90% del campione ha fatto acquisti online almeno una volta nella vita. Tra i fattori su cui lavorare per migliorare la penetrazione del fenomeno dell’e-commerce in Italia ci sono le spese di spedizione, ad oggi troppo elevate, e la fiducia degli utenti, ancora poco convinti della qualità dei prodotti acquistabili in rete.

E per quanto riguarda l’utilizzo dei social media? Risulta essere la seconda attività più utilizzata (66%) dopo il consulto di siti di informazione (66%) e prima della ricerca di informazioni su prodotti e servizi (63%). E’ in crescita inoltre l’utilizzo dei dispositivi mobile per l’accesso alle mail
(23% smartphone Android) e il 76% di questi utilizza gli smartphone per accedere ai social network

Tutti i dati principali li trovate nell’infografica che segue:

[Source: Digital Marketing Trends 2012]